headernews

Visualizza articoli per tag: interreg

Contributi, presentazioni e tavole rotonde con rappresentanti di strutture, istituzioni, imprese e centri formativi dei paesi aderenti al programma ADRION.

Venezia, 14 dicembre 2020 - Opportunità, problematiche, prospettive e margini di miglioramento delle reti di trasporto intermodale tra i paesi che gravitano sul bacino Adriatico e Ionico sono stati al centro della Conferenza “Le prossime sfide del trasporto intermodale nella euroregione adriatico-ionica”, che ha avuto luogo martedì 1° dicembre con oltre 250 persone in collegamento streaming. L’incontro ha costituito il punto d’arrivo del progetto "multiAPPRO", nell’ambito del programma Interreg “ADRION”. Ai lavori hanno partecipato professionisti, operatori, amministratori ed esperti dei paesi coinvolti nell’iniziativa: Italia, Slovenia, Croazia, Albania, Montenegro e Grecia, che hanno contribuito, ciascuno secondo le proprie competenze ad illustrare e approfondire l’oggetto dei lavori.

Lo stato dell’arte del trasporto intermodale è stato quindi analizzato in funzione di numerose variabili, quali tempistica, caratteristiche merceologiche, quantità e origine dei prodotti trasportati. Sono stati passati in rassegna tutti gli aspetti attraverso i quali si declina questa problematica: si è partiti analizzando lo scenario sotto il profilo delle modalità di trasporto attualmente adottate, delle infrastrutture esistenti e dei flussi di merci, coinvolgendo operatori ferroviari, spedizionieri, trasportatori, operatori logistici e destinatari.

Sono stati poi esaminati i fattori chiave per selezionare il modo di trasporto (tempo, affidabilità, costi, capacità, flessibilità, frequenza e sostenibilità) e sono stati individuati i cosiddetti colli di bottiglia, ossia gli elementi che ostacolano un sistema di trasporto più efficiente: le competenze degli addetti, lo scarso spirito di cooperazione, la congestione del traffico, la carente organizzazione dei magazzini e le istanze ambientali. Partendo da queste basi, si sono individuate le proposte per creare una rete integrata ed efficiente di trasporti intermodali. In particolare, è stato posto l’accento sulle possibilità offerte dalla digitalizzazione.

Attenzione particolare è stata dedicata inoltre alla formazione, sottolineando l’esigenza di una formazione multidisciplinare, che consenta di operare e di interfacciarsi con realtà anche molto diverse tra loro. Di notevole interesse, quindi, la Tavola Rotonda sul tema “Istruzione e formazione professionale alla prova dei nuovi scenari della logistica”, a cui ha partecipato il CFLI (Consorzio Formazione Logistica Intermodale) e l’ITS Marco Polo di Venezia, che ha avuto la possibilità di illustrare la propria offerta formativa, specificamente articolata in funzione delle figure professionali alle quali è rivolta.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti è possibile consultare i siti web: https://multiappro.adrioninterreg.eu/, https://www.cfli.it/newsite/ e www.itsmarcopolo.it

Pubblicato in News

Un progetto triennale finalizzato al riallineamento di domanda e offerta professionale tra i due lati della frontiera, per affrontare le sfide della globalizzazione e dell’innovazione

Milano, 11 luglio 2019 -- Studio Giorgio Vizioli & Associati, agenzia specializzata in consulenza di comunicazione, relazioni pubbliche e ufficio stampa, ha acquisito l’incarico di curare la comunicazione del Progetto Interreg “Skillmatch Insubria”.

Il Progetto, che avrà durata triennale (ottobre 2018-ottobre 2021), riguarda il riallineamento di domanda e offerta professionale tra i due lati della frontiera italo-svizzera: si tratta di un problema al quale sono molto sensibili le imprese del territorio, che devono affrontare globalizzazione e processi di innovazione molto rapidi che richiedono competenze professionali adeguate.

Skillmatch Insubria si articolerà in tre assi. Nel primo ci si concentrerà sulla raccolta di dati relativi all’offerta di lavoro e ai fabbisogni delle imprese. Il secondo verterà sull’analisi e interpretazione delle informazioni acquisite, per evidenziare tendenze, prospettive e obiettivi. Il terzo consisterà in una ricerca-azione su un campione di settori produttivi, con la realizzazione di interventi di allineamento tra domanda e offerta di lavoro intervenendo soprattutto sulla formazione.

“Siamo molto orgogliosi di questo incarico, ha commentato Giorgio Vizioli, che seguirà il lavoro con la collega Rosella Trombetta, sia per il prestigio e lo spessore della committenza sia per l’alto interesse dei contenuti da comunicare.”

Partner del Progetto sono: LIUC – Università Cattaneo (capofila), PTSCLAS e Università dell’Insubria, per l’Italia; SUPSI (capofila) e Dip. Educazione, Cultura e Sport del Cantone Ticino (lato ticinese).

Per ulteriori informazioni consultare il sito web: http://www.skill-match.org/it/

Studio Giorgio Vizioli & Associati ha iniziato la propria attività nel 1990, con sede a Milano e con corrispondenti in diverse città d’Italia e all’estero. È un’agenzia a servizio completo, in grado di seguire campagne di comunicazione Business to Business, Marketing e Corporate.

Pubblicato in News